Il bon ton del curriculum vitae

Come scrivere una presentazione seria e professionale usando parole e grafica adeguate ed evitare che il destinatario la cestini prima ancora di averti consultato. 

                          IL CASO

Il curriculum vitae è il tuo biglietto da visita, il pezzo di carta che può aprirti le porte di un colloquio in un’azienda. 

Per questo motivo, in poche righe, devi dare il meglio di te stessa e descrivere in modo sintetico ed efficace il tuo percorso formativo, le tue esperienze professionali, i tuoi hobby, competenze e aspirazioni.

Puoi trovare una miriade di consigli su come scrivere un curriculum efficace sia online che su carta stampata, ma attenta, perché c’è sempre la possibilità di commettere degli sbagli. 

Spesso e volentieri ti verrà suggerito di essere originale, di distinguerti in qualche modo, di trovare il tuo punto di forza. Ma questo non significa rivolgerti in modo confidenziale al tuo potenziale datore di lavoro, nominare i file allegati al curriculum in modo bizzarro o imbarazzante per chi legge, dare informazioni dettagliate sul corso di burlesque che frequenti durante il tempo libero – a meno che tu non ti stia proponendo proprio come insegnante di questa disciplina!

Qui di seguito trovi le regole per presentarti in modo serio e professionale usando parole e grafica adeguate ed evitare che chi legge il tuo curriculum non lo consideri motivo di ilarità e lo cestini prima ancora di averti telefonato.

                ASSOLUTAMENTE SÌ

1. Scrivere in italiano corretto: se dici di esserti laureata con 110 e lode e poi scrivi cuadro anziché quadro il tuo curriculum verrà scartato a priori;

2. Usare solo nomi neutri per i file: non sono gioielli, perciò non si devono notare;

3. Utilizzare un tono formale e non confidenziale: chi legge il tuo curriculum non è un tuo familiare né intende diventarlo, e chiudere una mail con «fammi sapere» non è ciò che si considera elegante…;

4. Accompagnare il curriculum da una lettera motivazionale e di presentazione;

5. Inviare un testo in formato pdf, nominato con il proprio nome e cognome;

6. Agevolare la lettura impaginando il testo correttamente, utilizzando lo stesso carattere e colore;

7. Inviare solo dati aggiornati.

                  ASSOLUTAMENTE NO

1. Dare informazioni su ambigue posizioni lavorative passate. Se hai fatto parte del Crazy Horse tienilo per te;

2. Barare sulle proprie competenze. L’invio di un curriculum viene seguito da un colloquio di selezione durante il quale si confrontano le informazioni scritte con le reali capacità;

3. Inviare un curriculum mirato e non uno valido per tutte le occasioni;

4. Presentare un curriculum così dettagliato da avere il formato di un depliant: a nessuno interessa se alla scuola superiore hai vinto una gara di salto in alto e se hai girato un video nel tuo bagno che poi ha postato su Youtube facendolo passare per uno spot pubblicitario;

4. Telefonare alcuni giorni dopo l’invio del curriculum in quanto questo viene interpretato dal datore di lavoro o dall’ufficio risorse umane come impazienza. 

…. Forza…. Scrivete il vostro CV… Ve lo controlliamo noi… Gratuitamente!
Info@respiralavoro.eu