PRINCIPI DI BON TON AZIENDALE

In questi giorni mi è ricapitato in mano un libro e lo sto sfogliando …molto interessante: Come farsi cacciare dai cacciatori di teste, scritto a quattro mani da Vito Gioia e Attilio de Pascalis, edito da il Sole 24 Ore.
Tra i preziosi consigli forniti dagli autori, riporto qui alcuni principi di bon ton aziendale da loro individuati sulla base delle proprie esperienze.

Rispetta tutte le persone

Ascolta gli altri senza pregiudizi

E’ il capo che valuta i suoi collaboratori e non viceversa

E’ il capo che sollecita i suoi collaboratori per completare un compito affidato e non viceversa

I meriti vanno sempre divisi con i propri collaboratori

Le colpe vanno sempre in carico dal capo

Se chiedi a qualcuno di fare qualcosa, spiega perché va fatto, in che modo ed entro quale termine

Non fare polemiche, è solo tempo perso ed energia sprecata

Se segui un progetto, portalo a termine

Se devi chiedere qualcosa a un collega di un altro ufficio, chiedilo sempre al suo capo

Se hai un problema con un pari grado, cerca di risolverlo parlandoci; se non si trova un’intesa concorda con lui di parlarne, insieme, al grande capo

Se non riesci a risolvere un problema serio, con gravi riflessi per l’azienda, avverti subito il superiore

Informa tempestivamente i colleghi delle cose importanti che devono sapere

Non essere il “collo di bottiglia”: assegna subito compiti operativi senza perdere tempo prezioso

Rispetta ruolo e tempo degli altri

Congratulati con chi ha ricevuto una promozione

Parla sempre apertamente

Aiuta i colleghi in difficoltà

Cerca sempre di essere cortese, educato e gentile

Fai di tutto per essere una persona con la quale sia piacevole lavorare (dipende da te)

Fai bene e in tempo quello che il capo ti chiede di fare (le cose in più sono un optional
E tu che stile hai nella tua azienda?

Scrivici come ti muovi!!