Persone di successo!

Ogni impresa ha la sua storia. E ogni grande imprenditore ha realizzato la sua scalata al successo, seguendo percorsi diversi. C’è chi, come Steve Jobs, è partito dal garage di casa, chi è andato avanti tentativo dopo tentativo, senza mai arrendersi di fronte ai fallimenti, e chi ha costruito un impero, diventando l’uomo più ricco del mondo.
Che cosa hanno in comune i fondatori delle grandi imprese? Ecco cinque caratteristiche, raccolte dal sito Entrepreneur. Ogni aspirante imprenditore può imparare dai leader.

1. Sono innovatori

I fondatori di imprese di successo sono partiti spesso da un problema o da un bisogno di mercato e hanno trovato la loro opportunità nell’offrire la soluzione. Per esempio, Jeff Bezos ha lasciato il lavoro per fondare Amazon, dopo aver notato la grande crescita nell’uso di Internet.

2. Corrono dei rischi

Quando Bill Gates e il suo amico Paul Allen hanno bussato alla porta della MITS, la società che ha prodotto uno dei primi microcomputer, dicevano di essere già al lavoro sul linguaggio BASIC e il software. In realtà non avevano ancora iniziato, ma cercavano di catturare l’interesse da parte della MITS.

3. Affrontano i problemi (e trovano soluzioni)

Richard Branson, fondatore del gruppo Virgin, ha fondato una rivista quando era ancora uno studente. Non si è fermato di fronte a niente. E, ancora giovanissimo, è riuscito a intervistare John Lennon e lo scrittore Jean-Paul Sartre. Tutto pur di fare impresa: «Non mi sono mai posto l’obiettivo di diventare ricco. Ciò che ho ricercato è il divertimento sano e la sfida». Anche James Dyson, l’inventore dell’aspirapolvere senza sacchetto, non si è mai arreso: «Ogni versione del mio aspirapolvere è nata perché dovevo sistemare un errore. Non mi sono fermato al primo fallimento, al cinquantesimo e neppure al numero 5mila».

4. Fanno ciò che amano

Come Branson, anche Larry Ellison, fondatore di Oracle, non ha iniziato a fare impresa con l’obiettivo di diventare un miliardario. Ha lasciato il college e ha imparato a sviluppare software per seguire le sue passioni. Bill Gates passava il suo tempo libero a programmare. Ecco perché avviare Microsoft è stata una scelta naturale per lui, ha seguito le sue inclinazioni.
Per persone di successo … #respiralavoro!
5. Donano agli altri
Molti imprenditori miliardari donano parte della loro ricchezza in beneficenza. Bill Gates, Larry Ellison, Warren Buffett, Mark Zuckerberg e molti altri hanno firmato un patto per donare metà della loro ricchezza in beneficenza. Qualche settimana fa il fondatore della Microsof ha dichiarato che lascerà quasi tutti i suoi beni per aiutare i più poveri.