Istinto vs Intuito

Un antico detto recita così “ti sono state date due orecchie per ascoltare, una sola bocca per parlare”.
Non ti viene da sorridere pensando a quanto la proporzione con cui usiamo questi organi a nostra disposizione sia invertita? Parliamo spesso almeno il doppio di quanto ascoltiamo. Quando siamo assolutamente certe che quello che dobbiamo dire sia importante, parliamo addirittura sopra gli altri. Quando le nostre idee vengono messe in discussione, o ci sentiamo minacciate, parliamo spesso a vanvera, per poi irrimediabilmente pentirci di ciò che è stato detto. Eppure, quando chiudiamo la bocca e ascoltiamo, spesso scopriamo cose sul mondo e gli altri che ci lasciano stupefatte. Ma non si tratta solo di ascoltare gli altri, si tratta anche di ascoltare noi stesse. In profondità. Andando oltre la confusione che abbiamo. Ecco che questo conduce immediatamente al secondo suggerimento. Perché uno dei modi in cui puoi ascoltarti davvero è….

Fermati. Prenditi del tempo. Non fare nulla. Non chiamare al telefono. Ferma. Respira. Cammina. Guarda il cielo. Siediti su un prato. Ferma. Respira ancora. Ascolta il rumore del vento. Guarda il colore dell’erba. Annusa l’aria aperta. Ferma. Non c’è bisogno che tu faccia nulla. Sei al sicuro. Fermati… ancora e ancora. Scegli di rallentare dalla corsa frenetica che coinvolge gran parte del mondo. Scegli un altro ritmo di vita che si sintonizzi sul pulsare della vita. Fermati. Sei al sicuro nel farlo. Fossero anche pochi istanti al giorno… fermati. Infine…

A volte le persone fanno confusione. Confondono l’intuito e la saggezza che proviene da questo con l’istinto. Istinto e intuito non sono la stessa cosa. E sebbene entrambi possano essere utili in molti momenti, quello che ho imparato sulla mia pelle è che quando seguiamo le nostre intuizioni più profonde non sbagliamo mai. Quando seguiamo il puro istinto, beh, non sempre è la scelta più saggia. L’istinto è una pura reazione che abbiamo a qualcosa: utilissimo se si tratta di reagire a un incidente, se stiamo per mettere la mano sul fuoco, se senza pensare afferriamo un bambino che sta cadendo a terra, o quando non vediamo una persona cara per tanto tempo e senza pensare le gettiamo le braccia al collo, stringendola forte seguendo il puro istinto. Tuttavia l’istinto potrebbe anche farci dire o fare cose che al momento ci sembrano l’unica strada, ma che a mente lucida, non ci sembrano più delle grandi idee. L’intuito invece, ci mostra sempre una strada che tendenzialmente è buona per noi, nella stragrande maggioranza dei casi. Come puoi iniziare a distinguere un’idea che viene dall’istinto e una che viene dall’intuizione più profonda e saggia? Basandoti sulla sensazione che provi. Se quando pensi a quell’idea ci sono ancora delle cose che “non ti tornano”, della confusione, se non ne sei convinta davvero, allora potrebbe essere una buona idea non seguire l’istinto di metterla in pratica. Se la stessa idea invece, quando la pensi, ti lascia una sensazione di pace totale, lucidità quando pensi di intraprenderla, probabilmente (quasi sicuramente) viene dal tuo intuito e dalla tua saggezza.
La stessa idea può essere pertanto buona o meno buona, e la chiave che abbiamo per capire se seguirla o meno è semplice: la sensazione che abbiamo ci mostrerà sempre se è un’idea attendibile o meno…